Luna Viola, l’inizio

L’emozione di un nuovo inizio, la sorellanza di donne sagge, lo scambio autentico e libero, il piacere di essere se stesse, la gratitudine per la vita e per ognuna delle donne in viola.” Sono solo alcune delle sensazioni che colmavano il mio cuore alcune sere fa, al termine del primo incontro della Luna Viola  il 18 ottobre scorso, Giornata mondiale della Menopausa.

Sentivo da tempo il bisogno di un luogo e di un tempo dedicato all’incontro con altre donne intorno alla Menopausa, un passaggio della vita femminile tanto naturale quanto delicato e troppo spesso vissuto con disagio e solitudine. In occidente è socialmente e sottilmente diffusa, anche fra il cosiddetto gentil sesso, l’dea che la fine del periodo fertile corrisponda alla fine della vita “vera” di una donna.

Il nome stesso in realtà Meno-pausa suscita un senso di mancanza. E se la porta del ciclo che si chiude aprisse un portone dietro il quale trovare la propria autenticità, il proprio potere? Una delle donne che ha partecipato diceva che sarebbe bello trovare un nome diverso, più rispondente al senso di libertà e di rinnovamento che le aveva portato la Menopausa.

Una seconda primavera per dirla con la Medicina Tradizionale Cinese, che da così un’immagine e una visione completamente diversa da quella di mancanza.

Così come diversa è la visione della cultura nativa americana per la quale

[us_image image=”1654″]

Al menarca una donna incontra il proprio potere,

durante gli anni mestruali pratica il proprio potere,

con la menopausa diventa il proprio potere”

Ecco, questo è lo scopo della Luna Viola: aiutarci a diventare il nostro potere.

Sono grata a ciascuna delle donne presenti “per essere così simili e così diverse, per la curiosità, la dignità, lo spazio prezioso creato insieme, la voglia di continuare a trasformarci insieme e diventare sempre più pienamente il nostro potere.”

Un grazie speciale alla donna che, essendo nella fase ciclica della sua vita, ha scelto di venire ad annusare l’aria e iniziare a prepararsi. Ringrazio le donne in post menopausa per l’autenticità e la forza delle loro condivisioni. Profonda gratitudine per la capacità e la voglia di mettersi in gioco a chi è nel bel mezzo del passaggio. A tutte un GRAZIE di cuore per aver risposto alla chiamata e aver piantato insieme i semi di una nuova realtà condivisa.

Abbiamo concluso l’incontro dando inizio alla corda viola formata da qualche punto all’uncinetto lavorato da ciascuna. Chi sapeva farlo ha mostrato e sostenuto chi non l’aveva mai fatto condividendo con semplicità e naturalezza i propri saperi ed esperienze così come era accaduto nel corso di tutta la serata.

Il mio desiderio profondo è che sempre più donne siano consapevoli del proprio potere a beneficio della loro vita e della società intera e che questi incontri ne siano uno strumento dolce ed efficace.

Un piccolo passo verso la Gioia di Essere.

Tag:, ,