Tag: Fluire

A un certo punto | Franco Arminio

A un certo punto
devi capire
che il dolore che hai subito
non lo devi subire
all’infinito.
Mettiti in vacanza,
la povera vita adulta
non può pagare a oltranza
i debiti dell’infanzia.
Dichiara finite le tue colpe,
scontata la pena.
D’ora in poi ogni giornata
sarà come prima
ma dentro di te
più netta e vera, più limpida
e sincera.
Tu devi solo la più grande dolcezza possibile
a chi verrà e a chi andrà via.
È festa nel tuo cuore,
festeggia in qualche modo
il cuore degli altri.

Franco Arminio

Tag:, , , , ,

POSSO SCEGLIERE | 74 de #iltempochecivuole

Il 18.8.18 è per me uno di quei giorni che segnano un prima e un dopo nella vita, un importante spartiacque, tanto da meritarsi un appellativo “il Giorno del Nuovo Passo”.

Cosa mi è successo? Ho avuto un incidente veramente singolare. Sono stata investita da un rodhesian e un pastore tedesco, che si rincorrevano fra di loro, nell’area cani di Riva di Polline, una struttura privata  “atta” ad accogliere i cani sulla riva del lago di Bracciano, vicino a Trevignano, a due passi da Roma. Ero appena entrata con la mia amica Elena ed Ella, la sua meravigliosa Golden Retriever.

La velocità e la stazza dei due cani hanno avuto un impatto tale sulla mia gamba sinistra da provocare la frattura scomposta del perone, la conseguente trazione prima dell’operazione che si è resa necessaria per applicare una placca di titanio. In poche parole sono uscita di casa un sabato mattina per qualche ora e sono tornata il venerdì successivo con le stampelle e il divieto di mettere peso sulla gamba fino al 22 ottobre e poi il recupero, tuttora in corso.

[us_image image=”4944″]

Questa avventura è stata ed è un viaggio di trasformazione, una bolla spazio-temporale in cui sto, osservo me stessa e il mondo intorno, vivo un continuo fiorire di intuizioni, un cambiar pelle. L’album #iltempochecivuole è la traccia giornaliera del percorso di questi giorni. L’idea è nata da questa frase di Gabrielle Roth: “Trasforma la sofferenza in arte, l’arte in consapevolezza, la consapevolezza in azione“.

Oggi è il 74° giorno de #iltempochecivuole e questa la mia condivisione odierna.

La mattina, mettere i piedi a terra e iniziare la giornata è una bella sfida. In questi giorni autunnali anche solo abbandonare il tepore del letto necessita di un bel po’ di coraggio che i bisogni fisiologici aiutano a trovare. Una volta preso il coraggio a quattro mani e detto addio all’abbraccio dell’alcova, occorre svegliare il piede sinistro lontano dal voler toccare terra e fare la sua parte. Le stampelle sono sempre lì, lì sulla finestra. No, quelle erano le chiavi di Lucio Battisti. Le stampelle sono sempre lì fra il letto e il comodino e via! si parte per la giornata.
Accade che, se il piede sinistro prende le redini della giornata, la camminata è lenta, la schiena gobba, lo sguardo a terra, i pensieri neri e irripetibili. Insomma divento una vecchia rincoglionita, malmessa e sboccata, come diceva mia madre.
Stamattina me ne sono resa conto e ho fatto due chiacchiere col mio piede sinistro. Gli ho detto che capisco bene la sua fatica e la sua sofferenza, che prenderemo tutto #iltempochecivuole per abbandonare le stampelle (sospetto che non legga i miei post), che è importante che faccia la sua parte proprio per riuscire ad abbandonarle. Gli ho anche detto che, allo stesso tempo, non può governare tutto il resto del corpo e invadere i pensieri a quel modo. Ho chiamato poi a raccolta piede e gamba destra, tronco, testa, mani e braccia, cervello, cuore e tutto il resto del corpo e li ho invitati a non farsi sopraffare dal piede sinistro. Li ho spronati a fare la loro parte, a prendere ognuno la propria responsabilità affinché tutto il corpo funzioni al meglio, affinché la vita scorra fluida e vivace ovunque.
L’effetto è stato immediato, come un colpo di bacchetta magica, un Abracadabra interiore che ha raddrizzato la schiena, alzato lo sguardo, alleggerito il passo e i pensieri, fatto nascere il sorriso sulle labbra e nel cuore. Da una vecchia gobba e brontola a una donna nel suo pieno e magico potere. Forte e fragile allo stesso tempo.


Posso scegliere, puoi scegliere, possiamo scegliere a quale parte di noi dare le redini della nostra vita. E da quella scelta tutto consegue, a livello individuale e a livello sociale. Con #iltempochecivuole e senza sprechi. Non è più tempo di sprechi. È tempo di essere chi siamo, potenti esseri di luce.
Ecco allora, se vuoi, un paio di domande per te, per rendere vive e utili anche per te le mie parole. Quale parte di te sta tenendo le redini della tua vita ora? Sei felice di come sta governando? Gli rinnovi il mandato o hai bisogno di cambiare, di cercare nuove alleanze?

A te la parola e se hai voglia di condividerla scrivimi a emanuela@prospettivag.it. Grazie.

Un piccolo passo verso la Gioia di Essere.

Tag:, , , , ,

31 marzo 2108

Legger@, legger@ vai per le vie del mondo.
Lascia che il vento della vita ti sospinga in avanti.
Abbandona la paura che ti trattiene 
e la fretta che vorrebbe accelerare.
Affidati alla vita che scorre forte e sana in te.

#fluiscoconquelchecè – Proposte quasi quotidiane per fluire con quel che accade.
#prospettivaG #percorsiversolagioiadiessere #SuolCollage©

Tag:, , ,

5 marzo 2018

Scorri al tuo ritmo.
Quando si presenta un ostacolo
trova la via più naturale per continuare a scorrere. 
Come fa l’acqua
davanti a un masso, un vuoto, un fosso, una strettoia:
aggira, salta, riempie, si inabissa e ritorna in superficie           
cambiando forma in continuazione
e rimanendo sempre se stessa.

#fluiscoconquelchecè  #prospettivaG  #percorsiversolaGioiadiEssere  #SuolCollage©

Tag:, ,

2 marzo 2018

Lascia che accada.

Non frapporre il giudizio

fra te e la vita che scorre.

Usa il discernimento,

allarga la visione,

intravedi la trama,

fai del tuo meglio.

#fluiscoconquelchecè  #prospettivaG  #percorsiversolagioiadiessere  

#SuolCollage©

Tag:, ,

1 marzo 2018

Continua a scorrere,

anche se a volte ti sembra di aver perso il sentiero,

e riposati quando è il momento di farlo.

Fa che la tua sosta sia quella di un lago quieto,

non di uno stagno puzzolente,

cosicché poi tu possa

riprendere agilmente a fluire.

fluiscoconquelchecè  #prospettivaG  #percorsiversolagioiadiessere 

#SuolCollage©

Tag:, ,

25 febbraio 2018

Il tuo femminile si sta espandendo,

ha ancora bisogno di spazio e cura.

Ascoltalo e lascialo parlarti e indicarti la via.

Ti porterà in spazi nuovi e meravigliosi.

Non aver paura,

affidati.

#fluiscoconquelchecè  #prospettivaG  #percorsiversolagioiadiessere  

#SuolCollage©

Tag:, ,