Categoria: Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti

The Corona Virus narrated by our great grandchildren

Translated by Sue Moore. All my gratitude to her and to Patrizia Cegna for her reading

12 March 2057.

Today I went to see my Great Grandmother. There was a big party because her dear friend was turning 100. She and Great Grandma live in the countryside in a very beautiful place, magical I’d say, with some other centenarians like them and some families who arrived little by little over the course of thirty years.

As always, in these parties, there are stories of times gone by. My Great Grandma describes how a long time ago, a very long time ago when my Mother hadn’t even been born, there was a period in which a virus raged, an incredibly strong virus. It was called Corona Virus. It hadn’t caused that many deaths in reality (more people died from wars and other diseases at that time) but it was so contagious and not easy to eradicate that all the governments in the world had to take serious measures to prevent the spread of the epidemic.

Great Grandma describes how they had to stay at home for many days, almost all the shops were closed but, fortunately, they were guaranteed basic services, food and ‘medicines’.  Yes, at that time, there were medicines, a kind of small pill, almost always white and bitter, that people took continuously for any little bug. It seems that at the time, people were always rushing, with so many things to do, and that, little by little, this way of living had limited their ability to breathe and be happy. This was true particularly for people living in certain places, called cities or metropolises, which were full of cars, factories and buildings, where there were almost no trees and the air was dirty and unbreathable. So human beings often fell ill and took medicines to quickly have the feeling of being better. They had forgotten that silence, art, fasting, herbs and above all rest, are the best cure. I don’t quite understand why, but it seems that they couldn’t stop and they took these tablets to be able to continue to work all the time, and no matter how.

However, when Coronavirus arrived, they had to stop. ALL OF THEM. Immediately. Almost from one day to the next. They had to stay at home, without being able to hug, kiss or make love to each other. Those rare times that they went out for undelayable matters such as grocery shopping, one person per family, they had to keep a safe distance and greet each other from afar.

It seems that at the time, there was an outdated form of communication, that they called ‘social’. A virtual place where they could pool and exchange ideas, photos, talents, projects. Great Grandma says that these ‘socials’ were a great help. Everyone made their abilities and talents available to others. Some offered yoga lessons, some met in a virtual room to dance together, some read stories to children who were at home (schools were closed too), some taught others to make homemade bread – at that time people bought everything ready made because it seemed that there wasn’t time for this type of thing (I haven’t yet understood what they had to do that was so important that they were unable to cook for themselves the food they ate). Between these ‘socials’, the artists started to give free concerts from their houses, some even gave lessons in guitar or other instruments. It had become a race in solidarity. Great Grandma starts to well up when she describes the kinship, equality and beauty of those exchanges. 

But the thing that moves Great Grandmother and her centenarian friends the most is that that sudden stop compelled everyone to look inside themselves, and return to harmony with their own essence, with Mother Earth, with the cycles of life, with the Universe, with a broader and more spiritual vision of existence. That harmony, that simplicity, that slowness that they, and many others like them, had desired, prayed for and been trying to experience for a long time, was finally becoming reality.

Human beings were returning little by little to listen to their heart beat, to breathe from their hearts, to lower the volume of their small mind that could so easily allow itself be embraced by the heart and together, heart and mind, reawakened the infinite makings of human beings. Like a personal and universal magic wand, heart and mind of each and everyone together started a profound transformation of life on Planet Earth. Everyone understood and experienced being a unique and precious part of the Whole, recovered a sense of sacred in Life, recognised the Beauty and Abundance of Mother Nature and of each living Being. Gratitude, care, love, harmony, joy, compassion, kindness and patience filled each thought, each action, each new project, each particle of air, water, earth and fire.

It was then that they started to make the first attempts of what at that time was called telepathy.

Oh yes. It will seem strange to you but in 2020 almost no-one knew telepathy. Human beings spoke out loud or wrote on the famous socials. They didn’t always say what they had in their heart. They talked amongst humans, but they didn’t know how to communicate with animals (apart from maybe their own pet) and least of all with plants. They believed they were superior, the owners of the world, but they didn’t even know how to be in contact with each other and even less with other beings on the planet. I really don’t know how they managed!

Great Grandma and her centenarians say that it was hard. The change was unexpected and radical. They say that everyone, each independently and all together, made sacrifices, that is made each gesture sacred, unearthed and activated even the smallest ounce of their interior resources, found Faith and Trust in themselves again, in their Light, in the Universe. A more heartfelt and deeper sense of Union spread over the whole Earth. And since then, life has continued in its new authentic, sacred and eternal flow. 

How I love this story.  At the end of the tale, I hugged Great Grandma, her friend and the other centenarians of the village really tight. I thanked them from the bottom of my heart for their courage and their strength, for succeeding in guiding Humanity out of the deepest and darkest ford of its history.

At the end, Great Grandma danced. She said that there had been an great dancer in her time (I think she was called Pina Bausch) who said ‘Dance, dance, otherwise we are lost’ and that this is valid in all times, difficult times and lighter ones.

We’re still dancing. Do you want to join us?

________________________________________
NOTE. You can read the rest of the tale  here:

THE CORONA VIRUS NARRATED BY OUR GREAT GRANDCHILDREN – end of quarantine

THE CORONA VIRUS NARRATED BY OUR GREAT GRANDCHILDREN – Let’s keep each other company

THE CORONA VIRUS NARRATED BY OUR GREAT GRANDCHILDREN – Being with what is for as long as it takes

THE CORONA VIRUS NARRATED BY OUR GREAT GRANDCHILDREN – Heart and Brain together

Tag:,

Nonnabis e Mudita, la meraviglia!

Ringraziare desidero direbbe Mariangela Gualtieri. E veramente ringraziare desidero tutte le persone che hanno letto, ascoltato, amato, diffuso, sostenuto, onorato, utilizzato nella didattica, musicato e persino tradotto la storia di Mudita e nonnabis.

Ho scritto cinque racconti, uno al giorno, per cinque giorni di seguito. L’ultimo giorno è iniziata l’onda. Dapprima piccola – una telefonata, un paio di whatsapp – e poi d’improvviso una marea. Una marea di messaggi su tutti i mezzi possibili: facebook, email, whatsapp, messanger, telefonate.  Messaggi di gratitudine e di complimenti per la maggior parte e poi proposte, richieste, progetti, condivisioni.

Il mio cuore canta di gioia, pulsa di gratitudine, batte di coraggio e forza, si espande di meraviglia.

GRAZIE

GRAZIE

GRAZIE

Quello che più di tutto fa cantare il mio cuore di gioia è la speranza, il coraggio, la consapevolezza di potercela fare, la chiamata alle proprie risorse personali che nonnabis e Mudita hanno ispirato nelle persone. E’ quello il ruolo delle fiabe, da sempre.

E’ per questo credo che la fiaba, il primo episodio in particolare, viaggia ormai autonomamente. E’ come un figlio che, diventato grande, va per la sua strada e crea le sue relazioni con le persone che via via incontra. E’ una vera meraviglia che continua a sorprendermi ogni giorno. La vita è veramente straordinaria ancor di più in questi giorni inimmaginabili fino a poche settimane fa. Sono grata di poter contribuire con questa fiaba a vivere, attraversare e andare oltre questi giorni. Sono certa che fra qualche tempo ci ritroveremo più forti, più saggi e più liberi di prima.

I dialoghi fra nonnabis e Mudita continuano. C’è tanto ancora da raccontare. Adesso si stanno godendo il tramonto. Torneranno presto.

Vorrei ringraziare in particolare alcune persone.
Il primo GRAZIE è Silvia Dionisi per cominciare, amica di danze e di arte in natura, che dopo aver letto la prima fiaba mi ha incitata a continuare. Non ci sarebbero stati gli altri racconti senza di lei. Grazie!
Poi Elena Trezza che non conosco personalmente e che per prima ha dato voce alla storia accompagnandola in una rapida diffusione, peccato abbia omesso l’incipit della fiaba. Grazie!
Elisa Salmistraro la prima telefonata, i primi progetti per il dopo e la porta di accesso alla spiritualità delle fiabe con Claudio Tomaello. Grazie!
Un GRAZIE enorme a Samantha di Guardo, amica, sorella e preziosa voce narrante di tutti e cinque i racconti;  conosco bene la storia, eppure mi commuovo ogni volta che l’ascolto narrata da lei. Grazie!
Grazie a Marco e all’Accademia Infinita che hanno sostenuto, rispettato e accolto la fiaba fin dall’inizio e per intero. Grazie!
Grazie a Federica Angelini che ha usato la fiaba con i suoi ragazzi di seconda media e ha condiviso con me uno dei loro meravigliosi commenti. Con lei ringrazio tutti gli insegnanti, di ogni genere e grado, che stanno svolgendo un immane lavoro per offrire cultura alle nuove generazione anche in questa situazione straordinaria. Grazie dal più profondo del cuore!
Ringrazio Federica anche perchè, attraverso lei, Nonnabis e Mudita sono arrivate ad Oxford dove parlano inglese ormai grazie alla pregevole traduzione di Sue Moore. Grazie a Stefania Marini origine di questa filiera particolarmente fruttuosa. Grazie, grazie, grazie!
Ringrazio Siegfried Ursch, musicista e compositore del nord Italia che ha creato il sottofondo musicale per la fiaba. Grazie.
Grazie a Dario Luschi, cantante d’opera toscano che vive a Nizza da vent’anni, per averne fatto una sua personale versione audio in italiano e in francese, grazie alla traduzione della sua compagna. Grazie. Grazie a entrambi.
Grazie a Camillo Marcello Ciorciaro per avermi permesso di usare il nome della sua magnifica iniziativa Affacciamoci compagnia in uno dei miei racconti, e grazie anche per le preziose consulenze tecniche  dei video. Grazie.
Last but not least, direbbero gli inglesi, vorrei ringraziare Elvira Seminara. Ho frequentato uno solo dei suoi meravigliosi corsi di scrittura a l’Altracittà. Ho ricevuto da lei le basi della narrazione e, sempre, incitamento a scrivere. Grazie di cuore.

Grazie di cuore ai tanti che non ho citato e che ci sono!

Qui i link ai cinque racconti, se vuoi leggerli, rileggerli, ascoltarli, riascoltarli
IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI scritto e audio
IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI – fine della quarantena scritto e audio
IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI – Affacciamoci compagnia scritto e audio
IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI – Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole scritto e audio
IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI – Cuore e Cervello insieme scritto e audio

Finisco con queste belle parole che Marco Sammarco mi ha inviato qualche giorno fa e che mi ha permesso di condividere.

Confidenze e potere di un virus, tra pandemia e resilienza alle 9 di sera.
Tra i miei simili ero considerato stupido, debole, troppo sensibile e buono. Ero innocuo. Mi pare che vivessi nei serpenti. Dico ‘mi pare’ perché ho subito un trauma. Ricordo solo che guardavo il Mondo dal basso. Poi più nulla. Finché mi sono risvegliato. Il mio nuovo ospite ora è una creatura diversa. È alto, cammina su due zampe e si chiama ‘uomo’. È in grado di fare cose eccezionali e capii subito che è la creatura più potente del pianeta, nel bene come purtroppo anche nel male. In poco tempo ho imparato a viaggiare, a pilotare aerei, e ho visitato quasi tutto il Mondo abitato da una miriade di uomini e volavo da uno all’altro per replicarmi al mio meglio. Ma dopo pochi giorni alcuni di quelli in cui vivevo iniziarono ad ammalarsi, a volte fino a morire in modo terribile, soffocati. Hanno dato a me la colpa dicendo che ero diventato forte e letale. Mi hanno dato anche un nome, Covid 19. Ebbero paura di me come della guerra. Per me venne proclamato il coprifuoco e tanti abbassarono le saracinesche delle botteghe, tanti si chiusero in casa. Fino allora avevo vissuto una vita meravigliosa conoscendo cose del Mondo che mai avrei immaginato, e poco dopo ero chiuso tra mura domestiche dentro gente impaurita o, ancor peggio, dentro persone agonizzanti negli ospedali. Ma ciò che mi aveva reso così forte non mi aveva cambiato del tutto. La Natura sensibile e buona che mi era appartenuta scalpitava in me. Allora decisi di ispirarmi all’uomo. Se ero diventato forte e letale nel male, tanto da uccidere la creatura più potente del pianeta, allora potevo usare la mia forza anche nel bene per stroncare i suoi aspetti peggiori e dargli una vita migliore. Scoprii che se ero resiliente, se affrontavo quel brutto momento per uscirne io stesso migliore, non mi replicavo, restavo invisibile dentro di loro e potevo produrre singolari effetti. Quando pensavano di essersi isolati solo per salvaguardare sé stessi, gli feci comprendere e apprezzare che lo facevano per proteggere e prendersi amorevole cura anche degli altri. Se ricordavano gli abbracci e le strette di mano come gesti formali, gli feci percepire la fastidiosa e dolente assenza delle endorfine che abbracci e strette di mano producono per generare benessere e piacere in chi li dà e in chi li riceve. Quando ripercorrevano con la mente i loro cammini quotidiani, guardando avanti o in terra per sfuggire lo sguardo della gente che incrociavano, senza salutare nemmeno i vicini di casa, ridestai in loro la consapevolezza d’essere creature sociali che hanno vitale bisogno di guardarsi, sorridersi, farsi un cenno che non costa nulla ma allarga i cuori e li fa sentire parte di una famiglia e di un affetto più grandi. A quanti rimpiangevano le spese di corsa da una bottega all’altra, li ho aiutati a riorganizzare i dati della loro memoria per impastare in casa pane, pasta e pizze, tutti insieme come in un gioco, a cucinare e vivere con calma, come fosse festa in famiglia ogni giorno, tra profumi antichi, semplici, buoni. Se gli mancava la frenesia quotidiana e lo shopping o credevano di avere poco, li indussi a rilassarsi, a riappropriarsi del tempo, ad aprire armadi, cassetti, scarpiere, sportelli e ripostigli per fare inventari delle innumerevoli cose che possedevano e per decidere quali usare e di quali disfarsi in modo produttivo e nobile, non buttandole ma facendone poi dono a chi ne avesse bisogno. Se erano stati tediati dalle raccomandazioni a non fare sprechi e dalla raccolta differenziata, gli feci amare l’impiego del tempo per rendere più ordinato e pulito il Mondo, per usarne con oculata e amorevole cura le risorse, e donai loro la consapevolezza che la Terra non gli apparteneva ma ne erano ospiti con il dovere di prendersene cura per lasciarla pulita e migliore ai propri figli e nipoti. Quelli abituati a usare la macchina anche per andare a due isolati di distanza li indussi ad anelare di prendere la bicicletta e camminare, e a rispettare, una volta tornati al volante, i ciclisti e le strisce pedonali. Riunendo a tempo pieno le famiglie, ho fatto comprendere a mamme e papà convinti di dover lavorare sempre più per esaudire tutti i desideri della loro prole, che l’amore in assoluto più indispensabile e caro ai figli è quello diretto, caldo, tra le braccia, i giochi e i dialoghi affettuosi dei genitori. Ai bulli, siano essi colleghi, capi, insegnanti o studenti, tediati dall’inedia o dai compiti online, feci rimpiangere ogni altro collega, capo, insegnante e studente, e li feci pentire d’essere annoiati o superficiali o crudeli, e ognuno desiderò tornare presto al suo posto, alla sua scuola o università per riscattarsi e fare il proprio lavoro non più perché andava fatto, ma per stare meglio e in armonia con gli altri e per rendere migliore questo Mondo e sé stessi. E se erano ostinati o impauriti tanto da non voler uscire anche sul balcone o in terrazza, li spinsi ad accendere una candela, una torcia, il led del cellulare o un accendino e ad affacciarsi alle 9 di sera per vedere come una luce è poca cosa nel buio, ma tutte insieme possono abbattere l’isolamento, possono illuminare e scaldare il cuore di ognuno come e più del Sole. 
Con affetto. 
Un virus resiliente.

Tag:, , , ,

5. Cuore e Cervello insieme

ENGLISH VERSION

” Tanti auguri a te. Tanti auguri a te. Tanti auguri cara Mudita. Tanti auguri a te.”

Eravamo tutti riuniti intorno al grande tavolo del giardino. Avevamo pranzato ed era arrivato il momento della torta del compleanno, era bellissima  con sopra sette meravigliose candeline:
– il delfino che è il mio animale preferito fatto da papà,
– un cuore grande con le ali e il mio nome intagliato, creato da mamma,
– una stella anch’essa col mio nome opera di mia sorella grande,
– un fiore a cinque petali da parte di mia sorella piccola,
– un calice dell’abbondanza creazione di mia nonna,
– una spirale da parte di mio fratello
– uno strumento a fiato fatto dalla nonnabis, una specie di sassofono come quello che suonava da giovane. 

Da molto tempo ormai, in occasione di un compleanno, le persone care creano tante candeline quanti sono gli anni del festeggiato o della festeggiata dandogli forme diverse e di buon augurio per il nuovo anno. Usiamo da decenni solo cera d’api e recuperiamo quella delle candele dei compleanni passati. Nonnabis mi ha raccontato un’abitudine veramente strana che c’era fino all’epoca del Corona Virus. Pare che dopo aver spento le candeline la persona che compiva gli anni dovesse romperne almeno una, meglio tutte. Le persone credevano che altrimenti portasse sfortuna. Mah! Pare che le candele fossero fatte industrialmente e che ce ne fossero in abbondanza. La cosa strana era che alle persone non importava nulla di gettare cose che potevano essere ancora utilizzate. Nonnabis dice che la gestione dei rifiuti era diventato un serio problema, in Italia e a Roma in particolare.

7 candeline, 7 anni.  Sono grande ormai. Ho ricevuto dei bellissimi regali, quelli di nonnabis sono i miei preferiti: uno me l’ha dato stamattina, l’altro me lo darà fra poco, così ha detto. Sono tutti e due preziosi e inestimabili perchè sono stati le chiavi per uscire dal periodo del Corona Virus e sono utilissimi in qualsiasi epoca, ha detto nonnabis.

Stamattina mi ha accompagnata nel bosco, mi ha raccontato che una delle due chiavi è stata “stare con quel che c’è per il tempo che ci vuole.” Mi ha guidato a fare l’esperienza di stare con la paura. Non è stato facile per me stare con quelle sensazioni nel corpo per il tempo che c’è voluto. Sono cresciuta meditando tutte le mattine insieme ai miei coetanei e questo mi aiuta a rimanere completamente presente durante la giornata mentre gioco, faccio gli esercizi, i compiti, sto con gli altri. Eppure stare con la paura nel mezzo del bosco è stato tanto difficoltoso quanto pacifica e piacevole è stata la sensazione alla fine. 

Mi domando come siano riusciti nel 2020 a “stare con quel che c’è per il tempo che ci vuole”. Nonnabis racconta che quasi tutti erano abituati ad andare sempre di corsa, che la maggior parte dell’Umanità non era abituata a concedersi di stare con le emozioni come la paura, la rabbia, la solitudine. Normalmente le tiravano malamente fuori o le ricacciavano dentro o facevano finta di niente. Erano pochi quelli che avevano l’abitudine di ritagliarsi del tempo per stare con se stessi, in silenzio, e ascoltare il proprio cuore.  Dice nonnabis che all’inizio dello Stop forzato le persone hanno continuato per un bel po’ con la stessa modalità. Sembra che ci siano stati tantissimi appuntamenti alla finestra: flashmob sonori, applausi, inni, canzoni, spettacoli. C’era stata una gara di eventi gratuiti sui famosi social, il più grande mezzo di comunicazione e di organizzazione dell’epoca. Erano eventi bellissimi e utilissimi, ma con un’incalzare e una frequenza che continuava a riempire di impegni e di cose da fare la mente e le giornate delle persone. 

Era però arrivato il momento di ESSERE, non più di Fare. Stare, non più correre.

Proprio attraverso i social comunque si diffuse ad un certo punto la seconda chiave per uscire, il secondo strumento con il quale hanno superato l’impasse e creato le basi della nuova Umanità.

Nonnabis ha detto che ora che avevo compiuto 7 anni poteva offrire anche a me quello strumento. I bambini in realtà lo conoscono già e lo vivono naturalmente senza pensarci: la coerenza cuore-cervello. Nel 2020, molto più di adesso, accadeva che crescendo i bambini ne perdessero la capacità e con essa alcune delle peculiari caratteristiche dell’essere umano, quelle che hanno a che fare con il cuore come la compassione, la gratitudine, la cura, il riconoscimento, la gentilezza, la pazienza. Così alcuni scienziati dell’epoca avevano creato un esercizio semplice e potente che serviva a risvegliare quelle capacità, una tecnica che rimetteva in coerenza cuore e cervello.

Per offrirmi questa tecnica siamo andate in un luogo speciale: la grande vasca naturale che si trova in una parte riparata del giardino.  Ci siamo sedute sulla riva con il volto rivolto verso ovest dove il sole aveva iniziato a scendere.

Prima di cominciare l’esercizio nonnabis mi ha detto di ricordare un momento in cui mi sono presa cura di qualcuno o in cui qualcuno si è preso cura di me, oppure un episodio dove ho provato compassione, gentilezza o pazienza o ancora qualcosa per cui sono riconoscente,
Mi sono ricordata di quella volta in cui ho trovato un passerotto con l’ala spezzata, l’ho preso con delicatezza fra le mani e portato a casa. Me ne sono presa cura fino a quando non è riuscito a volare di nuovo. E lui ancora oggi torna ogni mattina a cinguettare sul mio davanzale. Era stato proprio bello prendermi cura di lui.

“Perfetto” disse nonnabis.

Ora chiudi gli occhi.
Puoi anche lasciarli aperti se preferisci.

Porta l’attenzione al petto, alla zona del cuore.
Puoi portarci le mani, se vuoi. Sarà più facile per il cervello mantenere l’attenzione in quell’area
Continua a respirare
Lascia che il respiro rallenti naturalmente.

Ora immagina che il respiro entri ed esca dal cuore.
Senti il cuore espandersi e ritirarsi al ritmo del respiro.

Stai con il cuore che respira e ricorda quando ti sei occupata del passerotto, la CURA con cui l’hai fatto
Stai con quella sensazione mentre continui a sentire il respiro del cuore.

…..
Respira
e piano piano allarga l’attenzione a tutto il corpo
Quando vuoi rilascia le mani dal petto
Sorridi e riapri dolcemente gli occhi”

“Che sensazione nonnabis! Non so come descriverla. Mi sono sentita grande come il mondo e leggera. Era come se il cuore che respirava potesse abbracciare te, la vasca, il prato, la casa e tutto intorno. E quando ho sentito la cura che avevo avuto con il passerotto tutto è diventato ancora più palpabile e grande. Grazie, grazie nonnabis.”
Ci siamo prese per mano e siamo rimaste sedute a lungo sul bordo della vasca naturale, in silenzio. Il sole piano piano ha iniziato a scendere all’orizzonte e il cielo a colorarsi di mille sfumature di rosa, arancio e violetto.

Vieni anche tu con noi, raggiungici sulla riva. Godiamoci insieme il tramonto.

Immagine tratta dalla pagina FB Mind vs Heart

________________________________________
NOTA. Questo racconto fa parte di una raccolta intitolata IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI. Ogni racconto può essere goduto separatamente o nell’ordine di narrazione:

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti
2. Fine della quarantena
3. Affacciamoci compagnia
4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole
5. Cuore e Cervello insieme
6. Una nuova fase

Tag:, , ,

4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole

ENGLISH VERSION

15 marzo 2057

Oggi è il mio compleanno. Compio 7 anni.  Nonnabis è venuta a trovarmi e mi ha fatto il regalo più bello che potesse farmi. In realtà è arrivata a casa senza nessun pacchetto, né piccolo, né grande, ed io lì per lì, a dir la verità, ci sono rimasta male. Ho pensato che se ne fosse dimenticata, ha più di cento anni ormai, anche se proprio non li dimostra e sembra  una bambina ogni giorno di più.

Mi ha solo chiesto  se avevo voglia di fare una passeggiata con lei nel bosco. Adoro andare nel bosco, ci sono sempre tante belle cose da vedere, annusare, toccare, mangiare, ascoltare. Lei poi ha un occhio particolare, ogni volta scova qualcosa di magico. Chissà cosa scopriremo oggi, ho pensato mentre ci dirigevamo verso il bosco dietro casa.

Abbiamo camminato per un bel po’, quasi sempre in silenzio, inoltrandoci sempre di più nella selva, fin dove io non ero mai stata neppure con mamma e papà. Nonnabis camminava con passo stabile e sguardo dritto in avanti, avevo l’impressione che sapesse esattamente dove andare. Mi teneva per mano, mi sentivo al sicuro con lei, anche se il bosco si faceva sempre più fitto e buio.

Ad un certo punto le ho chiesto: “Nonnabis dove stiamo andando? Se fossi da sola penso che sarei morta di paura, gli alberi si fanno sempre più fitti e i raggi del sole fanno fatica ad arrivare fin qui.”

“Ci siamo quasi. Ti ricordi la domanda che mi hai fatto l’altro giorno? Su come avevamo fatto al tempo del Corona Virus a stare separati così tanti giorni, quasi costantemente chiusi in casa. Come avete fatto a uscire dalla crisi? Ricordi che non ti risposi e che ti promisi di farlo in un altro momento?  Il momento è adesso. 7 anni sono un passaggio importante e quello che sto per rivelarti è un dono degno di tale traguardo. In realtà sono due doni, tienili cari per il resto della vita. Te li posso donare e te li offro con grande gioia perché hai avuto il coraggio di chiedere. E come diceva un grande Uomo tanto tempo fa: chiedete e vi sarà dato. Ecco siamo arrivati. Sediamoci qui”

Eravamo arrivate ad una grande quercia, l’unica in quel punto del bosco. Ai suoi piedi c’erano due piccole rocce piatte ricoperte di un morbido muschio di un verde intenso e caldo, distanti meno di un metro una dall’altra e con al centro dei magnifici ciclamini. Non li avevo visti prima. A volte penso che la nonnabis faccia delle magie o forse ha semplicemente un occhio allenato a scovare la bellezza intorno a lei.

Ci siamo sedute sulle rocce, una di fronte all’altra. La nonnabis mi ha detto di chiudere gli occhi e di immaginare di essere sola nel folto del bosco. Ho chiuso gli occhi e mi sono immaginata sola.
“Cosa senti?”
“Paura”
“Dove la senti?”
“Nello stomaco, è chiuso chiuso … e anche nella gola, è tutta stretta”. Sapevo perfettamente che nonnabis era con me e che non mi avrebbe mai lasciata. Ma avevo paura e quando ho paura non riesco neppure a usare la telepatia e a collegarmi con lei come sto imparando a fare.
“Resta un po’ con queste sensazioni, resta in contatto col corpo, respira. Stai, STAI CON QUEL CHE C’E’. Lascia che sia. STAI, stai con lo stomaco chiuso e con la gola stretta, Respira”.
Respiro. Sto. Non penso più al bosco, né alla nonnabis. Sto. Sto completamente con le sensazioni della paura nel corpo.
Respiro. Respiro. Respiro.
La gola si ammorbidisce un pò. Lo stomaco è chiuso.
Respiro. Respiro. Respiro. Sto con quel che c’è.

Mi sembra di entrare in un luogo dentro di me che non conosco. Un po’ stretto all’inizio. E’ buio.
Pian piano si fa sempre più grande. E’ sempre buio ma ho la chiara sensazione che si espanda e cominci ad illuminarsi qui e lì di piccole luci. Sembrano stelle. Ce sono sono ovunque adesso. Sono tantissime, brillanti, ognuna del suo proprio ed unico colore. Mi rendo conto di essere luce anch’io, simile e diversa da quelle intorno a me. E’ tutto un’armonia e una bellezza mai vista, eppure conosciuta. Sorrido, come può sorridere una luce. Sento Me e sento il Tutto e non c’è differenza. Pace. Amore. Armonia. Bellezza. Libertà.

Non so quanto tempo sia durato. Ad un certo punto ho sentito la voce calda della nonnabis, ho la sensazione che venga da molto lontano.
“Mudita, piano piano ritorna a sentire il tuo corpo”
Dolcemente ritrovo il respiro, sento le mie mani, sento i miei piedi a terra, l’appoggio sul morbido muschio.
“Resta ancora un po’ con gli occhi chiusi. Cosa senti? Come sta lo stomaco? Come sta la gola”
“Sento lo stomaco morbido, felice direi. E anche la gola è così libera che vorrebbe cantare di gioia” le rispondo mantenendo gli occhi chiusi. Mi era già successo altre volte, meditando la mattina con i miei compagni, dopo gli abbracci e prima delle attività artistiche, di sentirmi espansa e libera. Ma lì era dopo gli abbracci e ora ero partita da una brutta sensazione di paura.

“Fai qualche respiro e quando ti senti lascia che piano piano le palpebre si alzino e lascia entrare dolcemente le immagini del mondo esterno.” Quando ho riaperto gli occhi tutto era molto più luminoso e nitido di prima con il meraviglioso sorriso di nonnabis a darmi il bentornata. Ci siamo guardate a lungo negli occhi, dicendoci in silenzio molto di più di mille parole. Poi ci siamo abbracciate a lungo.

“Vieni, torniamo verso casa che la mamma e gli altri ci staranno aspettando per il pranzo di compleanno. Strada facendo ti racconto”.

Sulla via del ritorno la nonnabis mi narrò che per uscire dalla crisi del Corona Virus ogni persona dovette innanzi tutto fare i conti con se stessa. La paura, la vulnerabilità, la fragilità, la morte, la solitudine erano emozioni e stati d’animo che la società di allora aveva accuratamente evitato, sfuggito, schivato, scansato, tentato di cancellare dalla quotidianità. Quello stop improvviso l’aveva spinti a ritrovare autenticità con se stessi, con gli altri e con la Terra.

Per farlo usarono due potenti mezzi.
Il primo era stato quello che avevo appena sperimentato: Stare con quel che c’è, per il tempo che ci vuole senza scappare, senza giudizi, senza far finta, senza proiettarsi nel domani, né attaccarsi al passato. Stare con ogni emozione, anche quelle più spiacevoli. Stare con l’aiuto di  …
“Lo so – dissi a quel punto – il corpo e il respiro.”
“Esattamente: corpo e respiro. Strumenti magici che tutti abbiamo sempre a disposizione”
“Nonnabis grazie di avermelo insegnato. Lo stomaco e la gola erano veramente piccoli piccoli e duri e poi, stando, tutto si è trasformato. E’ stata come una magia.  Allora il primo strumento è “stare con quel che c’è per il tempo che ci vuole”. E il secondo?”
“Te lo racconto dopo pranzo. Siamo arrivate a casa ormai. A lavarci le mani e a tavola!”


Vieni a pranzo con noi? A casa nostra c’è sempre posto. E poi puoi sentire qual è stato il secondo mezzo che hanno usato.
Lavati le mani prima però!

QUI PUOI TROVARE LA VERSIONE AUDIO DI QUESTA FIABA

Foto di veeterzy su Unsplash

________________________________________

NOTA. Questo racconto fa parte di una raccolta intitolata IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI. Ogni racconto può essere goduto separatamente o nell’ordine di narrazione:

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti
2. Fine della quarantena
3. Affacciamoci compagnia
4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole
5. Cuore e Cervello insieme
6. Una nuova fase

Tag:, , , ,

3. Affacciamoci compagnia *

ENGLISH VERSION

“Nonnabis ma come avete fatto tutto quel tempo a stare separati, a non abbracciarvi, stringervi, chiusi in casa. Non vi sentivate soli?”

Nonnabis ascolta la mia domanda in silenzio, lo sguardo un pò assente come se non fosse più qui con me ma tornata indietro a quei giorni. Si fa pensierosa, quasi triste. Le spalle si chiudono piano piano e la schiena si incurva, una lacrima scende dal suo occhio sinistro.

Mannaggia a me. Perché le ho fatto questa domanda? E’ da tempo che ne avevo il desiderio in realtà e oggi dopo le danze e quello che mi ha raccontato ieri, ho preso coraggio e gliel’ho fatta.

“Nonnabis che succede? Scusa non volevo intristirti”

“Non c’è nulla da scusarti cara Mudita. Si, sono stati giorni difficili. Non perché ci sentivamo soli, non lo eravamo. Ma per tutti gli interrogativi, le paure, il senso di disorientamento, la fragilità e la vulnerabilità che stavamo toccando con mano dopo averle evitate per tanto tempo. Ti parlerò di questo un’altra volta, te lo prometto. Non ora” Nonnabis fa una lunga pausa, qualche respiro profondo e poi all’improvviso il suo volto si illumina in un sorriso meraviglioso, quel sorriso che amo tanto.

“Ti ho mai parlato di “Affacciati alla finestra Italia mia”?

Sapevamo tutte e due che me l’aveva raccontato già tante volte, ma era sempre un piacere per entrambe rivivere, lei e io con lei ascoltando, quell’appuntamento giornaliero del periodo della quarantena.

All’epoca usavano tanto i social per comunicare fra di loro, non avevano ancora, o non avevano più, la capacità telepatica. La nonnabis dice che con questi social erano riusciti già dai primissimi giorni a darsi un appuntamento che, giorno dopo giorno, si è protratto gioiosamente per tutto il corso della quarantena. Si trattava appunto di affacciarsi alla finestra, o al balcone, all’ora stabilita per fare un’azione comune. Una volta hanno applaudito a tutto il personale medico, paramedico e ausiliario che si stava occupando con abnegazione ai malati ricoverati, parecchi in fin di vita, nei vari ospedali del paese. E’ stato un applauso clamoroso da un palazzo all’altro della via, da un quartiere all’altro della città, da una città all’altra, da Nord a Sud dell’Italia. Se lo meritavano. Erano settimane e settimane che lavoravano duramente e l’Italia intera era piena di gratitudine nei loro confronti.

Lacrime, di commozione questa volta, rigavano il volto della nonnabis al ricordo dell’applauso e ancor più del primo appuntamento alla finestra. Era successo proprio il giorno prima dell’applauso.

Alle 18 in punto si era affacciata alla finestra. Nel palazzo di fronte qualcuno era sul balcone, molti un po’ timorosi sbirciavano dalle finestre ancora chiuse. Qualcuno nel palazzo affianco si era ben attrezzato con un potente altoparlante, c’era chi aveva un tamburello, chi delle nacchere. Nonnabis aveva tirato fuori il suo tamburo sciamanico, non lo usava da tempo ed era proprio giunto il momento di rispolverarlo. E così ha iniziato a suonare, dapprima anche lei timidamente e poi sempre più forte, insieme agli altri, come un richiamo: “Sveglia gente, incontriamoci. Siamo uniti. Siamo presenti gli uni per gli altri”. Poco alla volta anche i più timidi erano usciti sul balcone, avevano iniziato a salutarsi con i propri strumenti, a sorridersi felici di ritrovarsi, anche se non si erano mai visti o salutati prima.

Il momento più bello era stato quando su un balcone al secondo piano della casa di fronte un bimbo, era uscito con la sua chitarrina.  Nonnabis dice che era più piccolo di me che sono grande e domani compio 7 anni. Il bimbo aveva preso la sua seggiolina, si era seduto e aveva iniziato a suonare insieme agli altri. Tutti gli sorridevano pieni di ammirazione e felicità e lui contraccambiava i sorrisi continuando a suonare, felice di fare anche lui la sua parte.

Nonnabis dice che in quel momento sentì chiaramente che ce l’avrebbero fatta. Che avrebbero superato quel brutto periodo e che ne sarebbero usciti più forti, più saggi, più autentici e vivi di prima. Lo dovevano a quel bimbo e a tutti i bambini, come me, che sarebbero venuti dopo. E così fu.

Chissà se la nonnabis mi racconterà mai degli interrogativi, delle paure e delle difficoltà dei quei giorni? Io spero proprio di sì. Ho quasi sette anni ormai, sono grande. Tu che dici?

(*) Affacciamoci compagnia è una magnifica iniziativa di Camillo Marcello Ciorciaro per sostenere la Croce Rossa tramite eventi d’arte on-line. Lo ringrazio per avermi dato l’opportunità di usare il magnifico nome della sua iniziativa.

QUI PUOI TROVARE LA VERSIONE AUDIO DI QUESTA FIABA

________________________________________

NOTA. Questo racconto fa parte di una raccolta intitolata IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI. Ogni racconto può essere goduto separatamente o nell’ordine di narrazione:

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti
2. Fine della quarantena
3. Affacciamoci compagnia
4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole
5. Cuore e Cervello insieme
6. Una nuova fase

Tag:, , , ,

2. Fine della quarantena

ENGLISH VERSION

13 marzo 2057

Abbiamo ballato tutta la notte. Anche la nonnabis e i suoi amici centenari. Era uno spettacolo vederli. Credo che l’aver attraversato e superato il CoronaVirus li abbia resi praticamente invincibili. Hanno un’energia e una voglia di vivere veramente contagiosa.

Ho chiesto alla nonnabis come faccia ancora a ballare, a cantare e a ridere con così tanta energia. Mi ha risposto che c’è stato un momento, mentre ballava, che il suo corpo si è ricordato il giorno della fine della quarantena ed ha iniziato a muoversi, più o meno, come allora. 

Ha detto che si sentiva come quel giorno quando tutte le persone sono potute finalmente uscire di casa e le strade si sono riempite di gente festante. All’inizio in realtà era tale la disabitudine e la paura del contagio che hanno cominciato ad avvicinarsi piano piano. Ma ben presto la mancanza di abbracci, di contatto, di stare insieme in carne ed ossa era stata così forte e prolungata che ogni remora è caduta e si abbracciarono tutti, conosciuti e sconosciuti, e restarono abbracciati minuti interi.

E’ li che è nata l’usanza, che abbiamo tuttora, di abbracciarsi a lungo quando ci si incontra, in famiglia, con gli amici stretti e con tutti, qualsiasi sia il ruolo che svolgono nella società. Siamo tutti esseri umani, ugualmente degni e nutriti del contatto con gli altri. Non iniziamo mai una classe, un incontro, una riunione di lavoro senza che tutti si siano scambiati un lungo abbraccio. Anche di questo sono grata alla nonnabis e ai suoi coetanei. E’ così bello iniziare ogni cosa con un abbraccio!

“E’ stata un’esplosione di Gioia collettiva” – ha continuato la nonnabis – “Non avevo mai provato un’emozione così intensa, tanto intensa da avere la sensazione che il cuore non potesse contenerla e volesse uscire dal petto. Eravamo tutti così entusiasti e pieni di Gioia che non la finivamo di abbracciarci, baciarci e ballare. Quanto abbiamo ballato! Tutta la notte e il giorno dopo e la notte successiva e il giorno dopo ancora e di nuovo la notte e il giorno. 72 ore di seguito! Abbiamo suonato, cantato, danzato tutte le canzoni che sapevamo e quelle che abbiamo inventato lì per lì. Passavamo ore intere a suonare qualsiasi tipo di percussione esistente o improvvisata. I piedi si muovevano da soli, il corpo rinasceva e ogni cellula sorrideva e brillava. La mente di tutti si riempiva di quella pura Gioia e da allora anche i pensieri più cupi hanno sempre almeno una goccia di quell’esperienza che si tramanda di generazione in generazione, di donna in donna, proprio a livello cellulare. E’ per quello che ci sono tante donne e tante bambine che hanno il tuo stesso nome: Mudita” E a quel punto la nonnabis mi ha raccontato per l’ennesima volta il significato del mio nome. Te la racconto che forse non lo conosci.

Mudita vuol dire gioire della gioia dell’altro.  E’ un termine del buddismo. Per Siddharta Gautama, meglio noto come Buddha, vissuto tra il V e il IV secolo a.C., la gioia non era una risorsa limitata su cui litigare o a cui avevano diritto soltanto pochi fortunati. La gioia era infinita, illimitata. Per Siddharta la parola mudita esprimeva la piena esperienza di una GIOIA (e non di invidia o risentimento) che si provava a venire a sapere le cose belle accadute a qualcun altro. Secondo lui, il puro fatto di poter provare mudita in prima battuta era la prova che la felicità degli altri non diminuisce la nostra: al contrario l’aumenta.

Mi piace sempre quando la nonnabis mi racconta questa storia. Le sono saltata al collo e ci siamo abbracciate strette strette. Il Corona Virus non c’è più da un pezzo. Dai, vieni anche tu nel nostro abbraccio.

Foto di Mitchell Luo su Unsplash

QUI PUOI TROVARE LA VERSIONE AUDIO DI QUESTA FIABA

________________________________________

NOTA. Questo racconto fa parte di una raccolta intitolata IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI. Ogni racconto può essere goduto separatamente o nell’ordine di narrazione:

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti
2. Fine della quarantena
3. Affacciamoci compagnia
4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole
5. Cuore e Cervello insieme
6. Una nuova fase

Tag:, , , , , ,

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti

ENGLISH VERSION    VERSION FRANÇAIS    VERSIóN EN ESPAñOL     VERSION GALEGA   DEUTSCHE VERSIONE  РУССКАЯ ВЕРСИЯ VERSAO PORTUGUESA

VERSIONE ITALIANA AUDIO

12 marzo 2057

Oggi sono andata a trovare la mia bisnonna. C’era una festa grande perché la sua cara amica compiva 100 anni. Lei e la nonnabis vivono in campagna in un bellissimo posto, magico direi, insieme a qualche altra persona centenaria come loro e ad alcune famiglie che sono arrivate via via nel corso di questi trent’anni.

Come sempre in queste occasioni di festa partono i racconti dei tempi andati. La mia bisnonna racconta che tanto tempo fa, tanto tanto tempo fa quando la mia mamma non era ancora nata, c’è stato un periodo in cui imperversava un virus fortissimo. Si chiamava Corona Virus. Non aveva provocato tantissimi morti in realtà (ne morivano più di guerre e di altre malattie in quell’epoca) ma era talmente contagioso e non facile da debellare che i governi di tutto il mondo dovettero prendere seri provvedimenti per scongiurare il dilagare dell’epidemia.

La nonnabis racconta che dovettero stare in casa tanti giorni, che quasi tutti i negozi erano chiusi ma  che fortunatamente erano garantiti i servizi di prima necessità, il mangiare e le “medicine”. Eh si, a quel tempo c’erano le medicine, una specie di piccole compresse, quasi sempre bianche e amare, che la gente prendeva in continuazione per qualsiasi piccolo malanno. Pare che allora le persone vivessero sempre di corsa, con tantissime cose da fare, e che questo modo di vivere avesse piano piano limitato la loro capacità di respirare e di essere felici. Questo era vero in particolar modo per chi viveva in alcuni posti, chiamati città o metropoli, che erano pieni di macchine, fabbriche e palazzi, dove quasi non c’erano alberi e l’aria era sporca e irrespirabile. E così gli esseri umani si ammalavano spesso e prendevano le medicine per avere velocemente la sensazione di stare meglio. Avevano dimenticato che il silenzio, l’arte, il digiuno, le erbe e soprattutto il riposo sono la miglior cura. Non ho capito bene perché ma pare non si potessero fermare e che prendessero queste pasticche per poter continuare a lavorare sempre e comunque.

Quando arrivò il Coronavirus  invece si dovettero fermare. TUTTI. Di colpo. Quasi da un giorno all’altro. Dovettero stare a casa, senza potersi abbracciare, baciare o fare l’amore. Quelle rare volte che uscivano per questioni improrogabili come fare la spesa, una sola persona per famiglia, dovevano mantenere la distanza di sicurezza e salutarsi da lontano.

Pare ci fosse all’epoca una forma arcaica di comunicazione che chiamavano “social”. Un posto virtuale dove si potevano mettere in comune e scambiare idee, foto, talenti, progetti. Dice la nonnabis che questi “social” furono di grande aiuto. Ognuno metteva a disposizione degli altri le proprie capacità e i propri talenti. C’era chi offriva lezioni di yoga, chi si riuniva in una sala virtuale per danzare insieme, chi leggeva storie per i bambini che stavano a casa (anche le scuole erano chiuse), chi insegnava a fare il pane fatto in casa, a quell’epoca si comprava tutto già pronto perché non c’era tempo per questo genere di cose (ancora devo capire che cosa avevano da fare di così importante da non cucinare loro stessi il cibo che mangiavano). Tramite questi “social” gli artisti iniziarono a fare concerti gratuiti da casa loro, qualcuno diede anche lezioni di chitarra o di altri strumenti. Era diventata una gara di solidarietà. Alla nonnabis gli si inumidiscono gli occhi quando racconta della fratellanza, dell’uguaglianza e della bellezza di quegli scambi.

Ma la cosa che ancor di più commuove nonnabis e i suoi amici centenari è che quello stop improvviso obbligò tutti a guardarsi dentro, a ritornare in armonia con la propria essenza, con Madre Terra, con i cicli della vita, con l’Universo, con una visione più ampia e più spirituale dell’esistenza. Quell’armonia, quella semplicità, quella lentezza che loro, e diversi altri come loro, avevano desiderato, invocato e cercato di vivere da tempo finalmente stava diventando realtà.

Gli esseri umani ritornarono piano piano ad ascoltare il battito del loro cuore, a respirare dal cuore, ad abbassare il volume della piccola mente che poté così lasciarsi abbracciare dal cuore ed insieme, cuore e mente, risvegliarono le infinite potenzialità dell’essere umano. Come una bacchetta magica personale e universale cuore e mente di ognuno e di tutti insieme iniziarono una profonda trasformazione della vita sul Pianeta Terra. Ognuno comprese e sperimentò di essere parte unica e preziosa del Tutto, ritrovò il senso del sacro della Vita, riconobbe la Bellezza e l’Abbondanza della Natura e di ogni Essere vivente. La gratitudine, la cura, l’amore, l’armonia, la gioia, la compassione, la gentilezza, la pazienza riempirono ogni pensiero, ogni azione, ogni nuovo progetto, ogni particella di aria, di acqua, di terra e di fuoco.

Fu allora che iniziarono a fare i primi tentativi di quella che all’epoca si chiamava telepatia.

Eh si. Vi sembrerà strano ma nel 2020 quasi nessuno conosceva la telepatia. Gli esseri umani parlavano a voce o scrivevano sui famosi social. Non sempre dicevano quello che avevano nel cuore. Parlavano fra loro umani, ma non sapevano comunicare con gli animali (a parte forse il proprio animale domestico) e men che meno con le piante. Si credevano superiori, i padroni del mondo, ma non sapevano neppure come entrare in contatto fra di loro e tanto meno con gli altri esseri viventi del pianeta. Non so proprio come facessero!

Nonnabis e i suoi coetanei dicono che è stata dura. Il cambiamento è stato repentino e radicale. Dicono che tutti, ognuno per proprio conto e tutti insieme, si sacrificarono, resero cioè sacro ogni gesto, scovarono e agirono anche il più piccolo granello delle loro risorse interiori, ritrovarono Fede e Fiducia in loro stessi, nella loro Luce, nell’Universo. Un senso più intimo e più profondo di Unione si diffuse su tutta la Terra. E da allora la Vita continua nel suo nuovo autentico, sacro ed eterno fluire.

Quanto mi piace questa storia. Alla fine del racconto ho abbracciato forte forte la nonnabis, la sua amica e gli altri centenari del borgo. Li ho ringraziati dal più profondo del cuore per il loro coraggio e la loro forza, per essere riusciti a traghettare l’Umanità fuori dal guado più profondo e più buio della sua storia.

Alla fine la nonnabis si è messa a ballare. Ha detto che c’era stata una grande danzatrice ai suoi tempi (mi pare si chiamasse Pina Bausch) che diceva “Balliamo, balliamo altrimenti siamo perduti” e che questo vale per tutti i tempi, quelli difficili e quelli più leggeri.

Stiamo ancora ballando. Vuoi unirti a noi?

________________________________________
NOTA. Questo racconto fa parte di una raccolta intitolata IL CORONA VIRUS RACCONTATO DAI NOSTRI BISNIPOTI. Ogni racconto può essere goduto separatamente o nell’ordine di narrazione:

1. Il coronavirus raccontato dai nostri bisnipoti
2. Fine della quarantena
3. Affacciamoci compagnia
4. Stare con quel che con quel che c’è per il tempo che ci vuole
5. Cuore e Cervello insieme
6. Una nuova fase

Tag:,