Nuova Umanità? Nuovo linguaggio? Dì la tua!

Se, per dirla con Annick de Souzenelle, come Umanità “stiamo vivendo le contrazioni molto difficili, molto dolorose di una nuova nascita” e, come scrive Deepak Chopra, ovunque si “stanno sviluppando gli strumenti organizzativi per aumentare il livello di coscienza, in modo che si manifesti il prossimo stadio della nostra società umana”, occorre un nuovo linguaggio, a mio parere.

Uno dei nuovi strumenti organizzativi credo sia proprio un nuovo vocabolario che veicoli i valori di “una società più compassionevole e giusta, un’umanità con radici di felicità e comprensione reciproca”.

Quali parole andranno a far parte del nuovo linguaggio secondo te?
Contribuisci partecipando a questo sondaggio.

Le mie due parole sono:

FIDUCIA Fiducia in sé, nel proprio corpo, nel proprio sistema immu-nitario, nelle proprie risorse, nel sostegno delle relazioni, nell’essere uma-no, nel futuro, nel senso di tutto ciò, anche se non lo comprendiamo, in una visione più ampia, in una Nuova Umanità, nell’ab-bondanza di Madre Terra

MUDITAParola sanscrita che significa “gioire della gioia dell’altro” in un’uma-na reciprocità, senza invidia, rancore o giudizio

Se l’idea ti ha ispirato dì la tua rispondendo alle poche domande di questo sondaggio anonimo.

Menu